Stato dell’arte del progetto 1° classificato Scintille 2016

Lo abbiamo incontrato un anno fa a Palermo, in occasione della premiazione dell’edizione 2016 del Contest Scintille.

Si piazzò come 1° Classificato con un progetto che è una fusione di innovazione, sensorialità, creatività, sogno, buona dose di tecnica ed elevata competenza.

Ad un anno dallo scocco della sua “scintilla” Indòru ed in occasione della pubblicazione del BANDO SCINTILLE 2017, lo incontriamo di nuovo per chiedergli un aggiornamento sullo stato del suo progetto.

Emanuele Contis, insieme ad Alessandro Coronas e Andrea Granitzio, ci aveva condotto in un mondo inaspettato, apparentemente distante, fatto di “Abiti Sonori” e musica, che ci descrive ancora oggi con una semplicità e una limpidezza uniche:

“Indòru, in lingua sarda, significa ornamento, abbellimento. E’ una boutique del suono, una bottega di alta sartoria pensata per cucire suoni e musiche addosso alle immagini. Estendiamo la funzione delle musiche per cinema, tv, videogames, apps, web e pubblicità, alle immagini reali, alla vita quotidiana e alle arti visive (e visionarie), Ingegneria e Architettura, discipline che modellano e ispirano il vivere quotidiano. Indòru offre una “visione” aggiuntiva, una diversa chiave di lettura di un progetto, di un paesaggio, di un percorso o di un ambiente”

Emanuele, come prosegue il tuo progetto a un anno da scintille? Posso dire che a un anno dal concorso, Indòru è una bella realtà. Abbiamo lavorato tanto a costruire il progetto, abbiamo costituito la società, lavorato alla struttura interna e alla rete di professionisti. Abbiamo stretto nuovi rapporti internazionali con altre aziende, creato “abiti sonori” personalizzati e siamo pronti a fare il lancio ufficiale. A giorni presenteremo il sito web e la squadra Indòru al completo.

Come l’esperienza scintille ha influito sul tuo percorso? Scintille è stata fedele al suo nome. La scintilla che ha messo in moto l’idea. Ragionavamo già da tempo su questo progetto ma il concorso è stata l’occasione per muovere professionalmente il primo passo e iniziare a costruire il progetto. Inoltre è stato un bel momento di confronto con le altre realtà in gara e ci ha permesso di misurare la nostra idea su quella degli altri, approfondire, capire e aggiustare il tiro su molti aspetti.

Cosa ti senti di consigliare a coloro che hanno un’idea innovativa da promuovere? L’idea innovativa ha bisogno del confronto. Nel garage di casa nostra, o circondati da amici che ti vogliono bene, qualsiasi idea sembra grandiosa. E magari lo è davvero. Ma c’è bisogno di farla uscire, misurarla con le altre, aggiustarla, in certi casi anche cambiarla. E per questo serve una enorme dose di fiducia (nei propri mezzi, nella propria idea), studio (per conoscere il contesto in cui l’idea si muove), coraggio (perchè devi decidere se tenerla o lasciarla andare) e una sana dose di follia (perchè altrimenti non si chiamerebbe “impresa”).

Partecipare a scintille è stato utile? Come? Il concorso ci ha permesso prima di tutto di capire se la nostra idea era giusta e riusciva a contagiare gli altri come aveva fatto con noi. Presentandola, tra l’altro, in un contesto a prima vista “lontano” dal nostro, come quello degli ingegneri. Invece Scintille è stata una piacevole sorpresa e ci ha mostrato che il mondo dell’Ingegneria in Italia, non solo è vivo, ma è dinamico, aperto alle influenze e attento ai cambiamenti sociali e culturali. E il consenso ricevuto ci ha dato il coraggio per continuare e migliorare il nostro progetto. Siamo contenti del percorso fatto fino ad oggi e vi terremo aggiornati sui risultati futuri. Intanto vi indichiamo il link al sito in uscita www.indoru.it che sarà definitivo tra pochissimi giorni.

Ringraziamo Emanuele per la sua testimonianza e ricordiamo a tutti che anche quest’anno Scintille ritorna con un NUOVO CONTEST 2017 pubblicato pochi giorni fa.

Se hai un’idea innovativa, leggi il bando e partecipa! Anche la Tua Scintilla potrebbe scoccare!

Short_Bio degli Ideatori di Indòru

Emanuele Contis Compositore e Sound Designer, Master in Scoring for Film, Television and Videogames al Berklee College of Music. Laurea in Ingegneria Civile Strutture all’Università degli Studi di Cagliari. Ha composto e diretto le musiche per serie TV (FOX), cortometraggi e spot pubblicitari (Amazon, Tiscali), ha collaborato con la Budapest Art Orchestra e con gli Abbey Road Studios di Londra, per la scrittura di colonne sonore per il cinema.

Alessandro Coronas Musicista, Compositore, Sound Designer, e ,Sound Engineer, esperto del mondo dei videogames, ha lavorato insieme a Dug Wilson ad un “sistema di musica procedurale autonomo” esposto al MOMA di San Francisco. Ha pubblicato lavori per Sony (PSP, PS3), Windows, Linux, iOS, Android, etc.

Andrea Granitzio Musicista e Compositore – Master MMus Contemporary music e dottorando (PhD) presso il Birmingham Conservatoire – Birmingham City University (UK). Laureato in Giurisprudenza, giurista esperto in materia di Tutela del Paesaggio. Ha collaborato con lo scultore Pinuccio Sciola, con il Ferrari Team Design. Collabora con il Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali e Educazione dell’Università di Perugia, e con l’Arch. Pierandrea Angius del Zaha Hadid Studio approfondendo la relazione tra suono e forma.

 

 

Send this to a friend